Search This Blog

Loading...

11.2.16

#OrangeFiber: the Italian Winner of the #GlobalChangeAward


The world needs bold ideas closing the loop for fashion!

On 10 February, HRH Crown Princess Victoria of Sweden awarded the winners of the first GlobalChange Award, an annual innovation challenge for circular fashion initiated by the non-profit H&MConscious Foundation. Most votes, and a grant of 300,000, were awarded to the Finnish team behind Making waste-cotton new; conversion of waste-cotton into new textile. To further accelerate the transformation towards a circular fashion industry, the Foundation now launches the Global Change Award Network, an open-source database for innovations.
The Global Change Award was introduced in August 2015 by the non-profit H&M Conscious Foundation. Between 25 August and 31 October the challenge was open for anyone to apply. Over 2,700 innovators from 112 countries contributed. The H&M Conscious Foundation reviewed the applications with the help of innovation collaborators KTH Royal Institute of Technology, Accenture and the Expert jury. The five ideas considered to have most potential in helping close the loop for fashion was selected as winners.
The online vote was held 1-7 February and the results are:
n1. Making waste-cotton new - conversion of waste-cotton into new textile. Innovation team lead: Michael Hummel, Finland. (31% of the votes)
n2. The polyester digester - using microbes to recycle waste polyester textile. Innovation team lead: Akshay Sethi, U.S. (22% of the votes)
n3. An online market for textile leftovers - a marketplace for industrial upcycling of spill in production. Innovation team lead: Ann Runnel, Estonia. (18% of the votes)
n4. 100 percent citrus - creating new textile out of citrus juice production by-products. Innovation team lead: Enrica Arena, Italy. (15% of the votes)
n5. Growing textile fibre under water - utilizing algae to make renewable textile. Innovator: Tjeerd Veenhoven, the Netherlands. (14% of the votes)

“This prestigious grant will allow us to lift our technology closer to an industrially viable level. Now we will focus on the further development of technical details, in particular the solvent recovery to ensure economic competitiveness and complete environmental friendliness of our process, says Michael Hummel, spokesperson for the Finnish team behind Making waste-cotton new - conversion of waste-cotton into new textile.
Inspired by the response from the global innovation community, and to spark impact beyond the five winners, the Foundation now launches the Global Change Award Network, a public digital space where teams and ideas can grow.
“When the application period closed, we sat with thousands of amazing ideas. So we decided to create the Global Change Award Network. You can look at it as a matchmaking site, where innovators can present their ideas, get feedback, make contacts and maybe investors can even find the next big thing. A digital greenhouse for innovative ideas,” says Karl-Johan Persson, board member of the H&M Conscious Foundation and CEO of H&M.
The award ceremony on 10 February marked the beginning of a one year innovation accelerator, provided by H&M Conscious Foundation, Accenture and KTH Royal Institute of Technology in Stockholm, Sweden. The program will help the winners develop their ideas, focusing on three main areas; circular economy, innovation and fashion industry connection.
“The level of innovation that we have seen throughout this process is truly inspiring and we aim to advance the strategic business growth of the five Global Change Award winners by guiding and coaching them through the Innovation Accelerator to develop their ideas further”, says Jennie Perzon Strategy Program Lead, Accenture.
“For KTH, it is a matter of both urgency and privilege to be a partner to Global Change Award, as we are facing extreme environmental challenges. Supporting this effort and being part of a better future is the obvious course for KTH to take. We are excited to kick off the accelerator program and get to know the five winning innovators,” says Lisa Ericsson, Head of KTH Innovation. 

OrangeFiber is the Italian winner of the GlobalChangeAward2015
100 percent citrus: Creating new textile out of citrus juice production by-products.
There is an increasing demand for sustainable textiles. Using by-products from citrus juice production, instead of growing a dedicated crop, creates an opportunity to produce more sustainable textiles. The yarn produced from the by-products can be used to create different types of textiles and addresses the demand for high quality sustainable textiles. Since the process uses resources and materials already produced it improves the environmental impact related to industrial waste, while extracting a raw material fitting for spinning new yarn.
The first industrial prototypes have been developed, and research and further development is now needed to begin replicating the process in other regions around the world where citrus juice is being produced.
Originating from Sicily, Adriana came up with the idea as a fashion design student. She later teamed up with Enrica and together they started develop the concept and build a team around it. Their testing is conducted in Catania on Sicily and they have their day-to.day office is in Milan. They currently make samples and small volumes of fabrics but look to scale up, improve their process and ultimately get their fabric into stores.

21.1.16

#OutOfFashion #EthicallyMade?

Leggi l'articolo pubblicato da Fashion Magazine dopo la tavola rotonda organizzata presso la Fondazione Gianfranco Ferrè all'interno del percorso di Out of Fashion. Grazie ai relatori che hanno accettato il mio invito (da sinistra): Luca Mirabassi - fondatore e CEO Lorena Antoniazzi, Andrea Masotti - CEO Menabò Group, Jwt Italia, Marco Lucietti - Global Marketing Director Isko, Gabriella Ghidoni - fondatrice Artefatto Onlus e Royah.

http://fashionmagazine.it/ItemByCategory.aspx?ItemID=66950

(Articolo firmato da Elisabetta Fabbri tratto da Fashion Magazine)

Ethically Made: per alcune aziende è un concetto nel dna, per altre sta diventando un segno distintivo. Ma come comunicarlo al consumatore finale e, ancora prima, ai distributori? Se ne è parlato a Milano, nell'ambito del corso di formazione Out of Fashion, con le case history di IskoLorena Antoniazzi e Artefatto Onlus.

La tavola rotonda si è tenuta venerdì 15 gennaio alla Fondazione Gianfranco Ferrè, sede di Out of Fashion, che punta a formare professionisti e imprenditori sulle pratiche e le dinamiche legate alla sostenibilità

Francesca Romana Rinaldi - docente dell'Università Bocconi esperta di fashion management, nonché co-autrice del libro "L'impresa Moda Responsabile" e creatrice del blog Bio-Fashion - ha ricordato in apertura il concetto di sostenibilità, contenuto all'interno del rapporto Brundtland, pubblicato nel 1987 dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo: «Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfi i bisogni attuali senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri».

In base alla dottrina in materia, e in particolare all'approccio Triple Bottom(elaborato da John Elkington nel 1998), gestire la sostenibilità significa occuparsi simultaneamente di creare valore economico, sociale e ambientale.

«Nel caso dell'impresa moda - ha specificato Rinaldi - i portatori di interesse (in gergo, stakeholder) sono cinque gruppi: l'ambiente, la società, le norme, i media e il complesso di arte, cultura e territorio».

Due dati forse bastano per capire il grado di coinvolgimento della filiera: il 19% degli insetticidi e il 9% dei pesticidi nel mondo sono finalizzati alla produzione del cotone.

«Nella moda non esiste un prodotto a impatto zero: il nostro compito è minimizzare l'impatto», ha da subito precisato Marco Lucietti, global marketing director del colosso turco del denim Isko, che da sempre si muove nell'ottica di un'innovazione responsabile e aderisce a stringenti standard produttivi.

Altro compito dell'industria, secondo Lucietti, è quello di "raccontare" il prodotto. Isko sta cercando il più possibile di far passare il messaggio che "etico è bello" e che vale la pena di pagare un certo prezzo per un prodotto ethically made.

Messaggio che è stato recepito dal network del gruppo (fornitori e clienti), mentre i consumatori non dimostrano per ora una grande sensibilità nei confronti della materia. «Ci piacerebbe che le persone, entrando in negozio, dicessero: "Voglio un prodotto fatto in modo responsabile". Ma siamo ancora lontani».

Di altro avviso Luca Mirabassi, fondatore e titolare del marchio di womenswear Lorena Antoniazzi, noto per la maglieria in cashmere. «Il consumatore - ha dichiarato - è sempre più consapevole e informato grazie a Internet».

L'anello debole della catena, secondo Mirabassi, è la distribuzione: alcuni wholesaler «vecchi», ma anche i commessi dei monomarca. «Oggi - ha spiegato - è molto difficile trovare le persone giuste, formarle e trattenerle. All'estero, per pochi euro in più vanno a lavorare da un altro».

Confidando sui consumatori più digitalizzati, già quattro anni fa Lorena Antoniazzi ha applicato sui capi etichette dotate di QR code. «Garantiscono un'estrema trasparenza, che sta dando ottimi risultati in termini di vendite, soprattutto all'estero».

«Oggi - ha spiegato Andrea Masotti, ceo dell'agenzia di comunicazione Menabò Group - si possono raccontare i valori dell'azienda con strumenti online e offline. Il rischio, con una distribuzione troppo frammentata fra i diversi canali, è che si perda lo storytelling. Nel caso del wholesale, il racconto è affidato alla capacità del singolo commesso».

A proposito della comunicazione veicolata dai social media, Masotti ha posto un interrogativo su cui riflettere: «Crea più trasparenza o più confusione?».

Gabriella Ghidoni, fondatrice di Artefatto Onlus (associazione no profit che promuove e divulga la cultura di gruppi svantaggiati attraverso l’arte, il design e l’artigianato) e Royah (un progetto di ethical design che coinvolge le donne afghane), ha chiuso l'incontro parlando di moda solidale e di Fairtrade.

In questo specifico ambito è possibile anche la "tracciabilità delle persone". «Il consorzio che si occupa di diffondere i prodotti del mercato equo e solidale - ha spiegato Ghidoni - ha una rete di collaboratori che monitorano come lavorano i produttori del fair trade. Chi ne fa parte decide di aderire a 10 specifici principi». Il web in questo caso aiuta: la lista delle piccole manifatture "virtuose" si può consultare online.

Elisabetta Fabbri 

13.1.16

#White #SaveTheDate #LaTradizione #IlValore #IlBello


Rethinking Luxury n.3 #VBCshowroom

Durante il terzo evento di #RethinkingLuxury ospitato il 16 dicembre da Vitale Barberis Canonico si è parlato di Moda, Arte e Cultura per la valorizzazione del territorio.

Ci siamo chiesti se il lusso possa essere catalizzatore di un circolo virtuoso di idee innovative per la valorizzazione del distretto e del territorio. 

Insieme ai relatori abbiamo parlato delle modalità per creare “valore condiviso” attraverso il connubio tra Moda, Arte e Cultura.
Alla tavola rotonda hanno partecipato:

- Anna Detheridge - Connecting Cultures
- Olga Pirazzi - Cittadellarte, Fondazione Pistoletto 
- Federica Vacca - Polimi, co-founder Fashioninprocess.com 

Sotto trovate il reportage della piacevole serata.

15.12.15

A new perspective on the Prada Group #PradaGroupResponsibility

On Monday December 14th I had the chance to attend an event at Fondazione Prada dedicated to the launch of the new CSR website and  a wider programme of Corporate Social Responsibility (CSR) initiatives that Prada is communicating now both to the industry and to the customers. 
Carlo Mazzi, chairman and CEO of Prada Group also announced that in 2016 the Prada Technical Academy will be launched in addition to a new version of the Prada CSR Report.
To discover more about the event: #PradaGroupResponsibility

Rethinking Luxury n.2 #VBCshowroom



Durante il secondo evento di #RethinkingLuxury ospitato da Vitale Barberis Canonico si è parlato di Responsabilità Sociale nel settore moda e di come sia possibile integrare etica ed estetica nella filiera rispettando i diritti dei lavoratori.

Alla tavola rotonda hanno partecipato Monica Re - Responsabile comunicazione Stella Jean e Founder Studio Re, Franco Amelio - Sustainability Services Leader Deloitte ItaliaMarina Spadafora - Fashion Revolution /Auteurs du Monde - Altromercato e Avv. Camilla Manfredi - Responsabile Dipartimento Intellectual Property Rödl &Partner, Milano. 

Sotto, il reportage della piacevole serata.












21.11.15

Rethinking Luxury n.1 #VBCshowroom


Giovedì 5 novembre si è tenuto il primo appuntamento dal titolo “Innovazione Responsabile & Ingredient Branding”. 
E' stato un piacere coordinare un tavolo di eccellenti speaker: hanno partecipato Francesco Magri Country Manager & Director Woolmark Italy, Marco Lucietti Global Marketing Director Isko, Andrea Masotti CEO Menabo Group - Partner Jwt Italia, Claudio Marcolli CEO Swarovski, i quali ci hanno offerto alcuni buoni esempi di sostenibilità che sono riusciti ad integrare (con eleganza) etica ed estetica, rendendo sostenibile la propria innovazione.
La scelta della location, lo showroom del lanificio Vitale Barberis Canonico non è stata casuale.
L’eccellenza delle materie prime, la tutela dell’ambiente, la costante attenzione alla salute di dipendenti e consumatori sono i valori che hanno reso il lanificio Vitale Barberis Canonico un eccellente esempio di responsabilità sociale.