Search This Blog

Loading...

12.4.14

CREAtiVITA': la MODA che CREA valore nel rispetto della VITA

Siete tutti invitati al convegno "CREAtiVITA': la MODA che CREA valore nel rispetto della VITA" che si terrà il 17 aprile 2014 al Palazzo Giureconsulti di Milano per parlare insieme alle istituzioni, agli esperti e alle aziende delle condizioni per la crescita della moda responsabile.

Quando: 17 aprile 2014, h9am-4.40pm
Dove: Palazzo Giureconsulti, Milano
Cosa: si veda programma sotto

A chiusura lavori (h17-17.30) seguirà una performance artistica.

FamilyDress Malìparmi@Fuorisalone

One more day left to Milano Design Week and fuorisalone: among the top locations to visit there is Spazio Nomade in Via Tortona 31 where the Malìparmi Family Dress, a relational art project make with patchwork of Tessuto della Memoria (Malìparmi recycling project) will be open to public till Sunday April 13 from 10am till 8pm.
Guarda il video del making of.
Ancora un giorno di Milano Design Week e fuorisalone: tra le top location da non perdere c'è lo Spazio Nomade di Via Tortona 31 dove il Family Dress Malìparmi, un progetto di arte relazionale fatto con un patchwork del Tessuto della Memoria (un progetto di riciclo del brand) sarà visitabile dal pubblico fino a domenica 13 aprile dalle 10am alle 8pm.
Watch the making of.

22.2.14

The Green Closet is SUPER!

  

Tra gli eventi speciali del salone SUPER* torna The Green Closet, la sezione “green” dedicata ai marchi e agli stilisti di moda e accessori eco-sostenibili dal Regno Unito.

Il progetto, patrocinato da UK Trade & Investment (UKTI) e dal Consolato Generale Britannico di Milano, accoglie cinque marchi britannici di moda e accessori eco-sostenibili individuati e selezionati dalla Responsabile Moda e Design di UKTI Italia Marina Iremonger, per proporre ai buyer italiani e internazionali collezioni di stilisti emergenti che si differenziano non solo per il contenuto stilistico ma anche per l’etica del lavoro e il rispetto per l’ambiente.

Ecco i marchi presenti:
Arianna Cerrito, www.ariannacerrito.com
Eden Diodati, www.edendiodati.com
Judy R Clark, www.judyrclark.com

In questa edizione Bio-Fashion ha apprezzato particolarmente lo stile di Arianna Cerrito (stilista italiana d’origine ma inglese d’adozione) a cui è dedicato questo post.


La collezione è composta da abiti con ricami fatti a mano su fibre naturali o in tessuti riciclati, abbinati in un “dialogo” con gioielli in metalli riciclati.


Il taglio è sartoriale ed impeccabile, con un gioco di assenza/presenza nell’accostamento tra abiti e gioielli, intagli laser, stampe esclusive e ricami fatti a mano su fibre naturali, leggere e preziose. 


A questo si aggiungono lavorazioni artigianali e tridimensionali “Made in Italy”.


 A coronamento di un percorso progettuale e produttivo rivolto a una femminilità fashion-conscious e cosmopolita il marchio si impegna ad utilizzare fibre naturali e/o riciclate e metalli riciclati. 


 Le sete sono tinte al vegetale, le stampe in seta sono rigorosamente Made in Italy. Il poliestere leggero e morbido, come le sete utilizzate dal brand, è certificato 100% riciclato. 
 A questo si aggiungono le manifatture sartoriali e artigianali messe a punto per ogni capo e l’utilizzo di professionisti UK ed italiani per la realizzazione artigianale dei gioielli.


*SUPER è un progetto di Pitti Immagine Fiera Milano, realizzato in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche del Lavoro, Ricerca e Università, Moda e Design con CityLife.




Among its special events SUPER*  introduces The Green Closet, the "green" section dedicated to the eco-friendly brands, fashion designers and jewelry designers from the UK.
The project, sponsored by UK Trade & Investment (UKTI) and the British General Consulate in Milan, will hosts five British brands offering eco-friendly fashion and accessories identified and selected by the Head of Fashion and Design UKTI Italy Marina Iremonger, to propose to the Italian buyers and international collections of emerging designers, which differ not only for style but also the content for the ethics and respect for the environment.

Here are the brands:
Arianna Cerrito, www.ariannacerrito.com
Eden Diodati, www.edendiodati.com
Judy R Clark, www.judyrclark.com
Pachacuti, www.pachacuti.co.uk

In this edition of Bio-Fashion has particularly enjoyed the style of Arianna Cerrito (designer of Italian origin but English by adoption).

Pure expression of an eye-catching and tactile aesthetic vision, the collection unfolds among sartorial and impeccable cuts, exclusive prints, layered as well as handcrafted embroideries on airy, precious and natural fibers. The collection is enriched by artisanal and three-dimensional shapes strictly Made-in-Italy. Vivid and strong colors juxtaposing contemporary and romantic jewels and garments. 
The brand uses - whenever possible - natural/recycled fibers and metals in line with a design and production approach aimed to a fashion-conscious and cosmopolitan audience. Silks are 100% vegetable dyed; silk prints (in the distinctive and exclusive designer's patterns) are made in Italy. Polyester is certified to be 100% recycled. Additionally the label make use of outstanding artisanal and sartorial skills with all garments made in Italy and all jewelry being bend-crafted both using Italian and Uk artisanal skills and professionals.

26.1.14

MFI@Youth Fashion Summit 2014 in Copenhagen!

Le conferme sono arrivate: gli studenti del Milano Fashion Institute parteciperanno all'iniziativa Youth Fashion Summit, parte del Copenaghen Fashion Summit 2014 che si svolgerà a Copenaghen dal 22 al 24 aprile. L'esperienza permetterà di acquisire delle conoscenze approfondite sulle diverse tematiche creative e di business relative alla moda responsabile, a fare networking e a proporre idee innovative di come le aziende moda possano essere più responsabili.
Per chi è interessato maggiori informazioni sono disponibili su http://youthfashionsummit.com
Stay tuner per i racconti dell'evento!
The confirmations just arrived: the students of Milano Fashion Institute will participate to the Youth Fashion Summit initiative, part of the 2014 Copenhagen Fashion Summit that will take place in Copanhagen from April 22 till 24. The experience will allow the students to gather knowledge about the different creative and business topics around responsible fashion, to do networking and suggest innovative ideas on how the companies can be more responsible.
For further information visit http://youthfashionsummit.com
Stay tuned for the storytelling of the event!

19.1.14

QUESTIONARIO SUL CONSUMATORE RESPONSABILE "LOHAS" IN ITALIA - LAST CALL

Siete consumatori con uno stile di vita sostenibile e basate le vostre scelte di acquisto e di consumo sull’attenzione alla salute e alla cura della persona, sul rispetto dell’ambiente e la protezione degli animali, sul raggiungimento del benessere personale e della comunità?

Ecco allora per voi il questionario sullo stile di vita dei LOHAS (tempo di compilazione: 5 minuti):
https://qtrial.qualtrics.com/SE/?SID=SV_4N3gTZgvqVeAo4J

I risultati della ricerca permetteranno di definire le diverse tipologie di consumatori responsabili in Italia per aiutare le aziende a rispondere in modo più efficace alle esigenze del mercato.
Le risposte saranno raccolte fino al 20 gennaio 2014.

9.1.14

Charity event: Swinging Britain



Gli studenti della Sir James Henderson School di Milano raccontano con video, performance e interviste quanto Oxfam fa e può ancora fare per combattere povertà e ineguaglianze, promuovere pratiche di consumo responsabile.
Una sfilata di capi donati da grandi stilisti e presentati dai ragazzi in passerella.

Il 19 gennaio 2014 gli studenti della Sir James Henderson School di Milano organizzano, con il patrocinio di UK Trade & Investment - British Consulate General, una serata in favore delle attività di Oxfam Italia. È un segnale importante e innovativo che siano i giovani a mettersi in gioco con un progetto pilota - replicabile in altre scuole - che li ha impegnati per oltre tre mesi in attività di sostegno a una grande organizzazione che interviene nelle emergenze umanitarie, combatte ineguaglianze e povertà, educa a modificare e migliorare pratiche dei consumi alimentari in giro per il mondo. Non solo: possono parlare e parlarsi con una efficacia nuova e originale di temi che riguardano anche loro, proprio perché ormai riguardano sempre più tutti noi.

Swinging Britain – in programma alla Sala Collina del Sole 24 Ore, il 19 gennaio – culminerà in una sfilata, che vedrà gli stessi ragazzi presentare in passerella capi donati da Stella McCartney, Hunter, Vivienne Westwood, Ballantyne, Hackett, Dr Martens, Fred Perry, John Smedley, Burlington, Barbour, Baracuta, Showroom Pierluigi Giulini, Fay, Fausto Puglisi, Ralph Lauren, Moschino, Etro tutti in spirito con lo Swinging Britain, attualmente di moda nel nostro paese.

Nel corso della serata verranno inoltre presentati video per testimoniare l’impegno di Oxfam nella crisi siriana, con immagini dai campi profughi di Libano e Giordania; l’intervista a un volontario in viaggio in Cambogia dove Oxfam lavora con i piccoli agricoltori, vittime di accaparramenti di terre e deforestazione; una performance teatrale per diventare ConsumAttori, capaci di scelte responsabili, e infine l’omaggio di una band a Coldplay e Beatles, testimonial di Oxfam.

Patrocinata dal Consolato Britannico, la serata Swinging Britain, si avvale della collaborazione tra la Sir James Henderson School di Milano, un’ istituzione scolastica inglese che rappresenta  un'eccellenza nel nostro paese, e Oxfam, la più importante organizzazione umanitaria del Regno Unito.

Sensibilizzare ed educare i ragazzi oggi per aiutarli a diventare dei cittadini più consapevoli domani, questo lo spirito di Swinging Britain, da subito accolto da Fidenza Village, uno dei Villaggi Chic Outlet Shopping® di Value Retail, che ha deciso di collaborare all’iniziativa in quanto ha nel suo DNA la passione e la voglia di essere pioniere nell’esplorare percorsi innovativi, supportando e collaborando con i giovani talenti emergenti.

Per partecipare a Swinging Britain è prevista una donazione minima di 25 euro: i fondi raccolti serviranno per migliorare le condizioni di vita delle comunità più vulnerabili che vivono in povertà nel Sud del mondo, garantendo loro l'accesso al cibo, all'acqua, all'istruzione.